Alcuni, non tutti, per ricordarli e continuare a leggerli.

 

Se la poesia non nasce con la stessa naturalezza delle foglie sugli alberi, è meglio che non nasca neppure.

(John Keats, Lettera a John Taylor, 1818)

 

Jorge Francisco Isidoro Luis Borges Acevedo, noto come Jorge Luis Borges (Buenos Aires, 24 agosto 1899 – Ginevra, 14 giugno 1986)
Jorge Francisco Isidoro Luis Borges Acevedo, noto come Jorge Luis Borges (Buenos Aires, 24 agosto 1899 – Ginevra, 14 giugno 1986)

 

« Sono cieco e ignorante, ma intuisco
che sono molte le strade »

 

 **********

Nâzım Hikmet-Ran, in italiano spesso scritto Nazim Hikmet (IPA: [nɑ'zɯm hik'met]) (Salonicco, 20 novembre 1901[1] – Mosca, 3 giugno 1963)
Nâzım Hikmet-Ran, in italiano spesso scritto Nazim Hikmet (Salonicco, 20 novembre 1901[1] – Mosca, 3 giugno 1963)

 

« Il più bello dei mari / è quello che non navigammo. / Il più bello dei nostri figli / non è ancora cresciuto. / I più belli dei nostri giorni / non li abbiamo ancora vissuti. / E quello / che vorrei dirti di più bello / non te l’ho ancora detto »

 

**********

Umberto Saba, pseudonimo di Umberto Poli (Trieste, 9 marzo 1883 – Gorizia, 25 agosto 1957)
Umberto Saba, pseudonimo di Umberto Poli (Trieste, 9 marzo 1883 – Gorizia, 25 agosto 1957)

 

Alberi

La colomba che preda la festuca
e la porta nel nido invidio, e voi
alberi silenziosi, a cui le foglie,
ben disegnate, indora il sole; belli
come bei giovanetti, o vecchi ai quali
la vecchiezza è un aumento! Chi vi guarda
-verdi sotto una nera ascella frondi
spuntano; alcuni rami sono morti –
le vostre dure sotterranee lotte
non ignora; la vostra pace ammira,
anche più vasta.
E a voi ritorna, amico;
laghi d’ombra nel cuore dell’estate.

**********

Pier Paolo Pasolini (Bologna, 5 marzo 1922 – Roma, 2 novembre 1975)
Pier Paolo Pasolini (Bologna, 5 marzo 1922 – Roma, 2 novembre 1975)

 

Commosso sulla mia infelicità

Commosso sulla mia infelicità,
felice credo nel conforto della
parola che svela, che degrada.

Temo solo la morte, il puro fatto
della morte. Tutto il resto si gioca.

 

**********

Edoardo Sanguineti (Genova, 9 dicembre 1930 – Genova, 18 maggio 2010)
Edoardo Sanguineti (Genova, 9 dicembre 1930 – Genova, 18 maggio 2010)

 

L’acquario

L’acquario acceso
distribuisce le rane
tra le cisterne.

 

**********

Oscar Fingal O'Flahertie[1] Wills Wilde (Dublino, 16 ottobre 1854 – Parigi, 30 novembre 1900)
Oscar Fingal O’Flahertie[1] Wills Wilde (Dublino, 16 ottobre 1854 – Parigi, 30 novembre 1900)

Quei luoghi gentili

E noi li abbiamo lasciati quei luoghi gentili
Con passo pesante, verso il nuovo calvario,
Di qui osserviamo, come chi allo specchio
Veda il proprio volto,
L’umanità suicida.
Capiamo quali spettri orribili
La mano rossa dell’uomo
Sappia fare sorgere.

(Visited 44 times, 1 visits today)