Il dialetto salentino presenta locuzioni favorevoli e contrarie, giuramenti, ingiurie, che caratterizzano in maniera folcloristica e pittoresca i vari modi di dire. Nello specifico si fa riferimento ai modi di dire che riguardano Tuglie.

Locuzioni favorevoli

Cu campi centu anni Possa tu vivere cento anni.
Bona sorte cu teni La sorte ti sia favorevole.
Lu Signore cu tte bionda Il Signore provveda a darti tutto in abbondanza.
Benatica Che tu sia benedetto e possa realizzare i tuoi progetti.

Locuzioni contrarie 

Armenu cu schiatti Possa tu scoppiare, in riferimento a una persona presuntuosa.
Butta lu sangu Possa tu morire dissanguato.
Caca lu sangu Possa tu stare male.
Cu sculi Volesse il cielo che tu abbia a scolare.
Cazzunculu Evento negativo.
Cu tte vene na coccia/na sajetta/nu lampu/nu tronu Possa tu avere un colpo apoplettico (Coccia sta per goccia di sangue). In passato si credeva che il colpo apoplettico fosse causato da una goccia di sangue che dal cervello arrivava al cuore.
Cu te vene nu corpu Che ti colga un ictus cerebrale.
Pijala an culu Che tu possa prenderla di dietro, in senso figurato. Si augurerebbe di ricevere qualcosa che darebbe fastidio.
Cu te spezzi l’anche Che tu possa spezzarti le gambe.
Cu te rumpi le corne Spezzarsi le corna e rendersi conto di aver sbagliato nel fare qualcosa che non era buona.
Cu te vene nu cancru Che tu possa ammalarti di cancro.
Armenu cu rraggi Che ti possa venire la rabbia.

Giuramenti

Quantu è vero Dio Quanto è vero Dio, quel che prometto farò.
Cu moriju se nu fazzu quiddhru ca ticu Possa morire se non manterrò la promessa.
Cu scoppu an terra moi Che stramazzi a terra, all’istante.
Cu sprofundu sottu terra Che io sprofondi nell’abisso.
Cu me cascia la lingua. Che mi cada la lingua.
Cu me stoccu n’anca Che mi spezzi una gamba.
Cu me runceddhra la lingua Che mi rattrappi la lingua.
Giuru su lli morti meij Giuro sui miei morti.
Giuru an facce a Diu Giuro in presenza di Dio.
Giuru susu le ossa te sirama Giuro sulle ossa di mio padre.

Termini offensivi

Anchitortu Claudicante, persona con gambe storte e arcuate.
Bbagascia Donna di facili costumi. Deriva da bagassa.
Bifolcu Guardiano di buoi, persona rozza, zotica, ignorante.
Bbreu Ebreo. Persona avida, cattiva, priva di umanità.
Cacafave Vigliacco, codardo, sventurato, sfortunato.
Cacarone Persona poco coraggiosa, che se la fa  addosso.
Cachellu Poco credibile, sfigato, anche nel senso di fighetto, millantatore.
Cafone Contadino, zoticone, ignorante.
Camasciu Svogliato.
Cane minchia Scemo.
Chiàpparu Non valere nulla.
Cantru Orinale, riferito a persona di scarsa importanza.
Capu te cazzu Testa di cazzo, stupido, grullo.
Capu te mazza Testa dura.
Capu te trozzula Testardo e duro di comprendonio.
Caremma Vecchia o persona emaciata con il viso aspro.
Carniale Bizzarro, strano-
Carzatella Di poco valore.
Catafarcu Vecchio, malandato.
Cataprasimu Ingombrante, riferito anche a persona.
Cheché Chiacchierone, pettegolo; anche cosa che fa schifo, voltastomaco.
Chiangimorti Piagnucolone.
Ciommu Sporco in senso lato.
Ciucciu Ignorante.
Crestu Scontroso, antipatico.
Cuccuàscia Persona con naso adunco, brutta.
Cùfiu Sterile, tonto.
Cuijone Minchione.
Culofia Donna dal sedere cascante,
Culuruttu Molto fortunato in maniera antipatica.
Culustrittu Avaro.
Culona, culonfia Donna dall’ampio sedere
Curnutu Cornuto.
Facce te cazzu Strambo, bislacco, senza un minimo di logica.
Facce te mulu Testardo, sfrontato.
Fatente Fetente.
Fessa Fesso, balordo.
Fetusu Sgradevole, sudicio.
Fiaccu Disonesto.
Frosciu Frocio.
Futtinculu Imbroglione.
Lingualonga Linguacciuto, maldicente.
Linguacciutu Chiacchierone, sfrontato.
Liccaculu Lecchino.
Lisciusu Schifiltoso.
Maccabbèu Scemo, stupido, ingenuo.
Maccarrone Senza spina dorsale, molle, debole.
Macu Corrispondente all’italiano mago. Nel dialetto assume il significato di scemo, persona poco intelligente, sciocco.
Maijatu Rude, ignorante.
Malecarne Cattivo, perfido.
Malecore Perfido, senza cuore
Malesortu Maleducato.
Mangiapane a trdimentu Sfaticato, parassita.
Mazzarrone/mazzarru Rude, violento. Il termine è in riferimento a una pietra di grandi dimensioni che affiora dal terreno e per liberarlo occorre una grande fatica. Paragonare la testa di una persona alla grossa pietra sta a indicare una persona caparbia e difficilmente predisposta a capire.
Menzabotta, mezzacartuccia Tracagnotto, incapace.
Minchia Sempliciotto.
Mucculone Balordo, non sa badare a sé stesso.
Mulu Mulo. Testardo.
Musi te porcu Labbra carnose e sporgenti.
Nciarfu Balbuziente.
Nfetisciutu Sporcaccione, spregevole.
Ngiallunutu Dalla faccia giallognola a causa dell’invidia e della cattiveria.
Nguerciu Ipovedente, utilizzato in senso spregiativo.
Ntartaglia Balbuziente.
Nzallu Rozzo, inelegante.
Nzicchia Persona seccante.
Nzicchinnonne Pedante.
Pampascione Stupido, sprovveduto.
Pappacola Bonaccione.
Pettanara Trasandata.
Peu In italiano sta per pio, ma nel dialetto subisce una degenerazione semantica per significare ‘scemo’.
Pezzanculu Pezzente.
Pirataru Scorreggione.
Pitucchiusu Pidocchioso.
Pizzafridda Rammollito.
Poppitu Campagnolo, zotico, provinciale.
Porcu Turpe.
Puttanieri Dongiovanni, sciupa femmine.
Ricchione Omosessuale.
Ricuttara Donnaccia, meretrice.
Saccu vacante Persona presuntuosa.
Sagnafridda Rammollito e inefficiente.
Scangatu Senza denti.
Scarufaterra Contadino, in senso dispregiativo; zoticone.
Scanzafatiche Fannullone.
Scazzacane Miserabile, poveraccio.
Sciabbicatu Trasandato nel vestire e nel comportamento.
Sciacqualattuche Buono a nulla.
Sciosciu Trasandato.
Sciutèo Non cattolico, perfido, cattivo.
Scràscia Persona fastidiosa.
Scuijatu Debole, indolente, senza coglioni.
Sculatu Persona deperita, in cattive condizioni di salute.
Scuncignatu Disordinato, disattento.
Scusciatatu Senza pensieri, allegro, indifferente.
Scurzone surdu Furbacchione poco incline alla socialità.
Spaccime Persona forte, alta, bella.
Sparpaija papare Persona che provoca disordine.
Spurchia Parassita; anche persona che porta sfiga.
Stangoij Persona alta, sproporzionata nelle dimensioni del corpo e poco aggraziata.
Sucamèlu Persona magra, come se fosse stato succhiato e quindi consumato.
Talornu Persona non gradevole che crea impaccio e  fastidio.
Tiaulu Diavolo.
Trafacciaru Voltafaccia.
Trapularu Imbroglione, persona che racconta fandonie.
Turdu Dall’italiano ‘tordo’ per definire una persona scema. L’accostamento all’uccello proviene dalla facilità con cui esso viene catturato.
Vastasi Insolente, irriverente, irrispettoso, sfacciato.
Vecchiu bbacuccu Decrepito, rimbecillito. Dal nome del profeta ebraico Abacùc.
Veni pane cu tte mangiu Fannullone.
Villanu Villano.
Zzoccula Zoccola, prostituta.
Zucaru Persona povera che non progredisce mai e va sempre più in basso nella propria condizione.

Termini encomiastici

Ntisu Stimato, galantuomo, influente, ascoltato.
Occhipertu Sveglio, capace, intelligente.
Spertu Esperto.

18/09/2022

(Visited 457 times, 1 visits today)