Ata – Cumare Picia ma cci ghe sta Corrida ca facene a Tuje?

Picia – Cci furmine sacciu cumare. Ahi, tutte ste puttanate te moi.

Ata – Comu, ca ticiane ca nc’è puru lu sindacu!

Picia – O faci menu! N’cete puru la vice sindaco, una brava fija.

Ata – Ah sì! Nu la canuscu, a cci ghe fija.

Picia – Lu sire nu lu sacciu, ticiane ca ghe nu bravu cristianu. Poi a mie la politica nu me interessa!

Ata –  Ahi, cumare ci stai fiacca osci. Ci ghe successu?

Picia – Cumare lu cumpare Totu ieri sera si è sentito male.

Ata – Nah, tronu! E ci ha ccappatu?

Picia – Dolori te ventre.

Ata – Acchia ci ha mangiatu!

Picia – Mangia comu nu dannatu, nu tene regula! Su sciuta alla farmacia te lu Gabellone e addhru spisu nu saccu te sordi pe le medicine.

Ata – Hai ragione cumare, sacciu jeu ci spendu pe la crostata te marituma. Comunque te conviene cu bbai alla farmacia te San Simone, le medicine costane te menu.

Picia – Ci malatia ete sta crostata? 

Ata – Comu nu sai? Ete quando nu pisci bbonu!

Picia – Nah, nu la sapia! Quindi lu cumpare nu piscia bbonu… e comu face?

Ata – Nu tantu bonu. La crostata s’ave ngrussata…

Picia – Aggiu capitu. Ma quante torte faci allu giornu?

Ata – Nah, cumare ma pe fessa sta me pij?

Picia – Ahi, none. Lassamu perdere! Vitimunde stu spettaculu.

Ata – Ci suntu sti toi giovani ca presentane?

PiciaLorenzo e Arianna. Nu li canusci?

Ata None, nu li sacciu!

PiciaVitimunde lu spettaculu meju! Sta zzacca!

AtaTici bonu!

Ecco questi sarebbero i dialoghi di un tempo delle comari tugliesi, che domani saranno riproposti in chiave comica alla Corrida a Tuglie in Piazza Garibaldi. Voci di un passato che si allontana sempre più dal presente. Le comari sedevano ai bordi della strada e ‘cu llu sguariu passane’ le serate afose d’estate. Personaggi memorabili e originali del nostro piccolo paese di Tuglie. Alcune indimenticabili per simpatia e intraprendenza. Donne sempre pronte al sacrificio e al bene della famiglia. Nei campi, a casa, nelle fabbriche le comari scrivevano una piccola storia nella grande storia. Storia di sopravvivenza e di conquiste sociali. Con il grembiule, vesti lunghe, maccaturu e sciallu. erano sempre pronte per ogni occasione a dare il meglio di sé stesse. Vivaci e svelte, semplici e forti. Il vincolo di comare/compare rimaneva per sempre: un legame indissolubile a marcare la stima e la dedizione alle tradizioni della propria terra. Donne di altri tempi, di buone maniere e di sana educazione.

17/08/2023

 

(Visited 159 times, 1 visits today)