Un tempo, non molto lontano, le mamme nel tentativo di acquietare i capricci dei propri bambini raccontavano loro nu cuntu, un fatterello un po’ bizzarro, in cui il vizio è sempre correlato al piacere del ventre.
Uno in particolare iniziava così: C’era na fiata na muscia inchiata, rotula, rotula la pignata.
Non lo ricordo per intero, pertanto ne do una mia versione.
C’era na fiata na muscia inchiata.
Rotula, rotula la pignata, se busca te lu patruna na scarpata. 
Scappa e se scunde sottu la banca, queta queta, e nu bitia l’ora cu rotula te capu la pignata.
Lu cumpare sou, lu sorge, se la ritia tuttu cuntentu. E iddra schiattava.
Lu sorge ridia e iddra mpaccìa.
Allora, esse te la banca, se prepara cu sse venta sulla patruna cu lla mpaura.
La patruna  scaltra  se sposta e la muscia cade intra alla pignata.
Ahi, ahi… me brusciu.
Maledetta muscia, ca nu schiatti na fiata pe tutte. Mo hai buttare lu valenu: la pignata te l’hai mangiare tutta, tutta – grida la patruna –
E la muscia ingorda mangia la pignata.
Mangia, e mangia, mangia e mangia diventa cchiu inchiata  te prima.
Ahi cci dulore! Cumpare sorge iutame, me tole la panza.
Vanne e mori – tisse lu sorge – Nu ssai ca lu troppu stroppia! L’esagerazione porta sempre all’esasperazione. 
None cumpare nu lla fazzu cchiu…
Nu tte crite ciuvveddri cchiu. Fanne cumu fazzu ieu, ca sacciu cu me movu e cu mangiu senza cu sse corge la patruna. Tie invece sinti oltre che ngorda, puru ssanzata.
Cumpaare sorge te tie nu me l’aspattava mai na cosa te quista.
E cci te spattavi? Lu premiu? Mo sai ci hai fare?
Ci aggiu fare cumpare, timme!
Mo ca thai binchiata bona bona e la ventre è grossa quantu la pignata, rotula quistaddra pignata.
—————————————————————————————————————–
Traduzione
 
C’era una volta una gatta grassa.
Rotola, rotola la pignata (recipiente di terracotta) si prende una scarpata dalla padrona.
Si nasconde sotto il tavolo in silenzio, ma non vede l’ora di rotolare la pignata.
Il compare suo, il topo, ride tutto contento. E lei, invece, gonfia di rabbia.
Allora, esce da sotto il tavolo per avventarsi sulla padrona, che prontamente evita il contatto, facendo cadere la gatta nella pignata.
La gatta: Ahi, Ahi, brucio.
La padrona: maledetta gatta adesso devi mangiarti tutto e crepare.
E la gatta ingorda mangiò.
Dopo avvertì dolori, e chiese aiuto al topo.
Il topo: muori, non conosci le misure. Esagerare è come esasperare.
La gatta: da te, compare topo, non mia spettavo una risposta del genere.
Il topo: e che cosa ti aspettavi? Il premio? Adesso che sei sazia e hai il ventre grosso, rotola quest’altra pignata.

 

(Visited 75 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *