Un bel ragazzo di giunco,                                                     Chitarre suonano sole
vita snella, larghe spalle,                                                         per San Gabriele Arcangelo,
pelle di notturna mela,                                                             domatore di colombe
bocca triste e occhi grandi,                                                   e antagonista dei salici.
fibra d’argento rovente,                                                          San Gabriele: il bimbo piange
va per le deserte strade.                                                            Dentro il ventre della madre.
Le sue scarpe di vernice                                                          Non scordare che i gitani
rompono il vento di dalie,                                                      ti hanno regalato l’abito.
con i due ritmi che cantano                                                   il bimbo canta nel seno
brevi lutti celestiali.                                                                    di Anunciacion sbalordita.
Nessuna palma gli è pari                                                           Tre chicche, mandorle verdi,
lungo la riva del mare,                                                                tremano nella vocina.
né sovrano incoronato                                                               San Gabriele ormai nell’aria
né sole o stella vagante.                                                               Con una scala saliva.
Quando la testa reclina                                                               E le stelle della notte
sopra il suo petto di diaspro,                                                   divennero semprevivi.
la notte cerca pianure
perché vuole inginocchiarsi.

Federico García Lorca (Fuentevaqueros, 1898 – Viznar, 1936)

Un amore estatico o dolente emerge in tutte le sue liriche. Nel leggere le sue opere si ha l’impressione che sia un amico buono che non tradisce.

Ancora oggi, a 75 anni compiuti dalla morte, Federico García Lorca sembra essere presente nel mondo con la sua tristezza, con il suo amore disperato, segreto, straziante. Era una creatura dolce, magica, femminea.

Nel 1920 scrisse Il maleficio della farfalla, una storia d’amore impossibile di uno scarafaggio per una farfalla, che rispecchiava il dramma autobiografico dell’autore.

Era un angelo… dannato, non riusciva a quietare la sua anima, percepiva l’amore come fonte di dolore.

Manifestò il suo talento come espressione orale secondo la tradizione giullaresca, infatti prima ancora di scrivere i versi li recitava in pubblico. Descrisse il mondo e le cose che sono dentro di esso con originalità, elevando la propria terra, l’Andalusia a paesaggio universale. Fu dell’idea che il poeta non deve cadere nella trappola delle ideologie politiche.

Nel 1928 pubblicò la raccolta Romancero gitano che lo renderà figura di spicco nel gruppo dei poeti noto come Generazione del 27. Il romancero è una forma poetica che costituisce uno dei tratti più originali della letteratura spagnola dalla seconda metà del Quattrocento sino a tutto il Cinquecento. Originale e caratterizzante perché costituito da testi nati e trasmessi come anonimi, ma soprattutto perché “popolare” e affidati alla trasmissione orale; successivamente verranno affidati alla scrittura e alla lettura attraverso i pliegos sueltos (un foglio grande piegato in quattro) e poi i pliegos de cordel, in cui i fogli erano legati in serie con un cordino. Questa forma fu ripresa da Lorca nell’opera suddetta.

Durante il soggiorno a New York, il poeta frequentò per un breve periodo di tempo la Columbia Universty e compose quello che molti giudicano il suo capolavoro, ossia Poeta en Nueva York, (pubblicato postumo nel 1940), incentrato sull’alienazione dell’uomo nella società moderna e sui meccanismi non solo politici che permettono di dominare sui singoli.

Il periodo trascorso a Cuba fu felice, qui strinse nuove amicizie tra gli scrittori locali.

Nel 1930 rientro in Spagna che, dopo la caduta della dittatura di primo de Rivera, stava vivendo una fase di intensa vita democratica e culturale.

Nel 1936 Lorca rifiutò la possibilità di asilo offertagli da Colombia e Messico, argomentò il suo rifiuto così:

“Io sono uno Spagnolo integrale e mi sarebbe impossibile vivere fuori dai miei limiti geografici; però odio chi è Spagnolo per essere Spagnolo e nient’altro, io sono fratello di tutti e trovo esecrando l’uomo che si sacrifica per un’idea nazionalista, astratta, per il solo fatto di amare la propria Patria con la benda sugli occhi. Il Cinese buono lo sento più prossimo dello spagnolo malvagio. Canto la Spagna e la sento fino al midollo, ma prima viene che sono uomo del Mondo e fratello di tutti. Per questo non credo alla frontiera politica”.

Il 16 agosto del 1936, il sindaco socialista di Granada, cognato del poeta, fu fucilato. Lorca venne arrestato dall’ex rappresentante della CEDA, Ramón Ruiz Alonso e fucilato all’alba sulla strada vicino alla Fuente grande, lungo il cammino che va da Víznar ad Alfacar.

(Visited 479 times, 1 visits today)