Roger Heston

Oh quante volte Ernest Hyde ed io
abbiamo discusso sul libero arbitrio.
La mia metafora favorita era la mucca di Prickett
tenuta legata al pascolo, e libera, come si sa,
nella misura consentita dalla lunghezza della fune.
Un giorno mentre al solito si discuteva, guardando
la mucca che tirava la fune per spingersi oltre
il cerchio che aveva pelato mangiando,
il piolo venne fuori e sollevando la testa
quella ci caricò.
<Cos’è questo, libero arbitrio o cos’altro?> disse Ernest correndo.
Io caddi proprio quando quella m’incornò a morte.

(Da Antologia di Spoon River, Edgar Lee Masters)

 

La mucca del libero arbitrio non sa e non gliene importa nulla. Gli uomini invece sull’argomento pensano e discutono da troppo tempo. La mucca ha un solo interesse: mangiare ogni filo d’erba, anche quelli che si trovano al di là dello spazio che gli è stato consentito di brucare. Ma quando la mucca ottiene la libertà rompendo la fune con la forza, ha un sussulto d’orgoglio e incorna, in ossequio al libero arbitrio, il povero Roger Heston. Follia del libero arbitrio? Chissà!

**********

Altri testi tratti dall’Antologia di Spoon River

– Theodore il poeta https://www.elioria.com/poeti/theodore-il-poeta/

– Minerva Jones https://www.elioria.com/poeti/minerva-jones-non-era-bella/

(Visited 438 times, 1 visits today)