Dal verbo squajare (sciogliere) abbiamo il participio passato con valore di aggettivo, squajatu. Traslato assume il significato di incapace, inetto, inconcludente. Quajare invece significa coagulare, derivazione di quaju (caglio).

Squajare ritorna e riappare nelle giornate di canicola che tormentano il Salento. Squajare per il caldo, sciogliersi in un bagno di sudore. La gente del Sud oltre ai soliti problemi quotidiani deve affrontare le difficoltà di temperature elevate che nei mesi estivi  raggiungono i 42° gradi. Una condizione di resistenza che mina la pazienza e la forza delle persone.

(https://it.toluna.com)

Modi di dire: ha squajatu tutti li sordi (ha speso tutti i soldi senza controllo), sta squaju te sudore (sudare intensamente), squajatu te cervello (inconcludente, fuori di sé, senza alcuna moderazione), sciaroccu squajatu (in presenza dell’afa, detta faugnu), armeno cu squaja (imprecazioni/maledizioni rivolte ad una persona), squajatu marciu (persona irrecuperabile), tene lu core squajatu (riferito a persona con un grande cuore), squajatu e rinnegatu (persona spregevole), squajatu comu la nive (persona che si ravvede dei propri sbagli e ‘china la testa), ete nu vagnone squajatu (si dice di un ragazzo vivace e simpatico, che si fa volere bene), lamentu tuttu squajatu* (lamento che si dissolve).

*Pizzicu pizzicu e nu me fermu
Sinu a che nu sentu lu lamentu
Lu lamentu tuttu squaiatu
E de tie maggiu nnamuratu.
(Daniele Seterino, in Cantu te taranta)
(Visited 72 times, 1 visits today)