Sciarpicare: claudicante nel linguaggio con pronuncia imperfetta e pause di fonetica. Voce onomatopeica da cui per adattamento e traslazione linguistica potrebbe derivare il nostro termine tugliese nciarficiare e nciarfu; quest’ultimo assume anche in alcuni casi il significato di bonaccione, ingenuo ‘Quiddhru pare nu nciarfu’ (Quella persona pare poco attenta, al limite della confusione). Il termine viene affibbiato anche all’ubriaco, allorquando nel parlare incespica sotto gli effetti dell’alcol.

Sinonimo: ntartaijare, specifico nel caso di balbuzie. Nciarfu è colui che non ha forza espressiva, inciampa nei concetti, storpia le parole, fatica ad esporre il pensiero,  da non confondere con ntartaija.

 

26/09/2022

(Visited 75 times, 1 visits today)