Se nessuno ti prende, devi prenderti da solo. Come dire c’è il problema del nulla che descrive un’esperienza. Le coordinate del proverbio in questione sono semplici: l’indifferenza da una parte; dall’altra, l’urgenza di un fare che non concede scampo. Difatti, ‘Se nessuno ti prende‘ denota disattenzione di coloro che avrebbero dovuto in qualche modo interessarsi della persona; mentre, ‘Devi prenderti da solo’ è l’esplicita esortazione a lasciar perdere gli altri e a considerare sé stesso. Semplice! Questo rischio è sempre in agguato, per limitarlo basta fare affidamento solo a sé stessi.  L’evidenza è il fondamento di ogni azione e da essa non si può fuggire, nonché da essa tutto parte e a cui tutto ritorna. Per sconfiggere il senso del nulla basta riflettere l’esistenza stessa, quando è dovuto necessariamente e anche quando paia non sia indispensabile.

Attrezzarsi dunque alla macchinazione del mondo e dell’agire umano è resistenza ed opposizione ai fatti, anche facendo affidamento all’illusione per non perdersi nel nulla. 

(Visited 55 times, 1 visits today)