Nel dialetto tugliese e salentino indica l’ordine del carrettiere di far andare il cavallo tirando le redini – ardià, ardià!: indietro, indietro.  Ardià ha la base etimologica nell’assiro ardu, vale a dire ‘schiavo’, ‘servitore’. Alcuni studiosi lo fanno derivare dall’italiano ‘guardare’, onde ‘guardia’, ardià, in origine indicò il servizio a cavallo prestato in guerra dalla cavalleria locale.


                                           (Filippo Palizzi Il Carrettiere 1853)

Árdia è ricorrente in Sardegna e sta a indicare la corsa dei cavalli che viene fatta per onorare alcuni Santi: celeberrima è s’Árdia de Santu Bantìne a Sédilo. Il sardo árdia e l’italiano cavalcata indicano la stessa cosa.

 

(Visited 64 times, 1 visits today)