«La notte mesce il vino della poesia»: inebriante e carezzevole.
Privilegiato luogo della poesia, essa si lascia interrogare dai poeti, apre con loro un colloquio, ne accoglie ansie e trasalimenti, accorda il suo al loro canto. L’intesa tra i poeti e la notte è profonda esaltante. Anche nello svelare gli inganni della vita e della società in cui siamo immersi.» (Luigi Scorrano)

 

 

(Visited 3 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *