La sua vita e morte è avvolta nel mistero. È stato uno scrittore peruviano naturalizzato statunitense nel 1957. I registri per l’immigrazione datano la sua nascita il 25 dicembre 1925, tuttavia nelle “conversazioni con Carlos Costaneda” di Carmina Fort la data di nascita è riportata all’anno 1935 a Cajamarca in Perù. La sua attività letteraria va dal 1968 al 1996. La  morte avvenuta nel 1998, fu resa nota con mesi di ritardo. Non esiste una sua foto e i suoi libri non contengono bibliografia.

Castaneda (in origine  Carlos César Salvador Aranha Castañeda) si trasferì negli USA nei primi anni Cinquanta. Nel 1959 frequentò l’Università di Los Angeles e conseguì la laurea in arte nel 1962, e il dottorato in filosofia nel 1973.   Nel 1968 diventò famoso con il suo primo libro “Gli insegnamenti di Don Juan: una via Yaqui alla Conoscenza”.  Successivamente scrisse altri 11 romanzi che lo resero famoso in tutto il mondo. I suoi libri hanno venduto più di 8 milioni di copie in 17 lingue.

Iniziò la sua carriera di scrittore con il proposito di descrivere il suo percorso allo Sciamanesimo mesoamericano, che tra l’altro è l’insieme delle credenze e il modo di vivere e di vedere il mondo di società animiste non alfabetizzate. In questo contesto magico-religioso lo sciamano è colui che “viaggiando” in stato di trance nel mondo degli spiriti, guarisce e risolve i problemi della comunità.

Fu a contatto con gli indios messicani, alla ricerca di tradizioni esoteriche. Importante fu la sua amicizia con lo stregone Don Juan Matus che lo iniziò ai segreti dello scimanesimo, anche con l’aiuto di sostanze allucinogene come la mescalina estratta dal peyote (pane degli dei).

Le opere di Costaneda secondo alcuni critici sono apprezzabili lavori filosofici e descrittivi di pratiche idonee a sviluppare la consapevoelzza di pereczione e la capacità di affermazione della propria volontà. Alcuni invece affermano che i lavori letterari di Costanenda altro non sono che semplici romanzi.

Nei suoi libri Costaneda descrive in prima persona i dettami dello sciamano Yaqui chiamato don Juan Matus (un messicano di etnia yaqui), incontrato nel 1960 a Los Angeles.

Un brano tratto da L’isola del Tonal

“Il vostro difetto”, ammonisce Don Juan, “è di cercare spiegazioni appropriate che convengano a voi e al vostro mondo. È alla vostra ragionevolezza che mi oppongo. Uno stregone spiega le cose nel suo mondo, ma non è rigido come voi”. Come possiamo arrivare alal spiegazione degli stregoni? “accumulando potere personale. Il potere personale vi farà scivolare con la massima facilità in un’area dove la spiegazione degli stregoni è possibile. La spiegazione non è ciò che voi chiamereste una spiegazione; ciononostante essa rende il mondo e i suoi misteri, se non chiari, meno terribili. Questa sarebbe l’essenza di una spiegazione, ma non è ciò che voi cercate. Voi seguite le vostre idee. Gli specchi deformanti li avete dentro e il mondo deve adeguarvisi”.

Pubblicazioni

– Gli Insegnamenti di don Juan (Milano, Rizzoli, 1999, ISBN 88-17-86027-1)
Pubblicato anche con il titolo A scuola dallo stregone (Roma, Casa Editrice Astrolabio-Ubaldini, 1970)
– Una realtà separata (Milano, Rizzoli, 2000, ISBN 88-17-86200-2)
– Viaggio a Ixtlan (Milano, Rizzoli, 2000, ISBN 88-17-86368-8)
– L’isola del Tonal (Milano, Rizzoli, 1997, ISBN 88-17-11509-6)
– Il secondo anello del potere (Milano, Rizzoli, 2001, ISBN 88-17-25893-8)
– Il dono dell’aquila (Milano, Rizzoli, 1985, ISBN 88-17-16542-5)
– Il fuoco dal profondo (Milano, Rizzoli, 1987, ISBN 88-17-12750-7)
– Il potere del silenzio (Milano, Rizzoli, 2001, ISBN 88-17-25891-1)
– L’arte di sognare (Milano, Rizzoli, 2000, ISBN 88-17-25892-X)
– Tensegrità-Passi magici (Milano, Rizzoli, 2004, ISBN 88-17-25817-2)
– La ruota del tempo (Milano, Rizzoli, 2002, ISBN 88-17-12799-X)
– Il lato attivo dell’infinito (Milano, Rizzoli, 2000, ISBN 88-17-25889-X)

Sitografia

http://it.wikipedia.org/wiki/Carlos_Castaneda

http://www.carloscastaneda.it/

http://www.macrolibrarsi.it/autori/_carlos_castaneda.php

(Visited 231 times, 1 visits today)