Questi scritti sono di un uomo, la cui vita è in tensione tra poesia e filosofia. Con il cuore ho verseggiato e con la ragione ho contemplato il ritmo in strani e tristi errori di considerazioni, ma anche di sofferenze circoncise dall’illusione.

Questo libro, che riesco sempre a desiderare e che non smetto mai di spogliare delle sue incompletezze, mi consola. Mi  appare oceano e lago, amico buono e giusto. Non ho fede in esso.

Questo libro vorrei ancora riscriverlo.

Poesia, ragazza mia è una dolce follia, un concerto d’inferni, un angolo di purgatorio. Muoio nei suoi sortilegi di poesia, risuscito nei suoi pensieri di filosofia.

Mi rivedrò ancora per un po’ in esso.

(Visited 5 times, 1 visits today)