Ritratto di mastro Iachelino (L.Ariosto, Il Negromante)

 

Per certo, questa è pur gran confidenzia
che mastro Iachelino ha in sé medesimo,
che mal sapendo leggere e mal scrivere
faccia professione di filosofo,
d’alchimista, di medico, di astrologo,
di mago, e di scongiurator di spiriti;
e sa di queste e de l’altre scienzie
che sa l’asino e ‘l bue di sonar gli organi;
benché i faccia nominar lo astrologo
per eccellenzia, sì come Virgilio
il Poeta, e Aristotele il Filosofo;
ma con un viso più che marmo immobile,
ciance, menzogne, e con altra industria
aggira et avviluppa il capo a gli uomini;
e gode, e fa godere a me (aiutandoci
la sciocchezza, che al mondo è in abbondanzia)
l’altrui ricchezze.

 

(Il Negromante II, 473)