Cioran, l’inutile dolore

Un ammalato mi diceva: <A che pro i miei dolori? Non sono poeta per poter servirmene o trarne vanità>.